Giovani che hanno la volontà di costruire ci sono. L’asSociata, progetto che ormai da un anno coinvolge le associazioni giovanili di Roma e più di 150 studenti impegnati sul territorio, ne è una dimostrazione. Idee, obiettivi e proposte che non si esauriscono nei dibattiti dei sette tavoli di lavoro cui L’asSociata si compone.

Domani, 28 maggio ore 11:00 verrà, infatti, presentato presso la Luiss Guido Carli, nel Campus di Viale Romania, l’esito -sebbene sia solo l’inizio- di una delle proposte avanzate dai ragazzi del tavolo di lavoro dedicato a Roma e all’ambiente.

L’obiettivo è riuscire in prima istanza a soddisfare la domanda sul come garantire a tutti, adulti e bambini, l’accesso ad alimenti sostenibili e di qualità caratterizzati dal controllo della filiera.

Verrà dunque esposto il progetto che, in armonia con i 17 obiettivi di sviluppo sostenibili approvati nel 2015 da più di 150 leader internazionali, si rivolge alle mense universitarie, promuovendo l’utilizzo di materie prime eco-sostenibili. Il fine ultimo, come suggerito dal dott. Silvano Falocco, direttore della Fondazione Ecosistemi, nonché uno degli ospiti che interverrà nel dibattito di domani, vuole essere duplice: rispondere alle problematiche ambientali e contrastare le ingiustizie sociali.

Seguiranno gli interventi concernenti le politiche urbane e le politiche ambientali urbane rispettivamente a cura del Prof. Davide Marino, docente di Economia del Gusto e del dott. Daniele Fattibene, ricercatore e consulente per Barilla Center for Food and Nutrition.

L’evento si concluderà con il commento di Valeria Torta, luissina al secondo anno triennale di scienze politiche e responsabile del tavolo per l’ambiente de L’asSociata, in merito al ruolo attivo dei giovani nell’inversione di tendenza dei consumi.

L’auspicio è che il dialogo diretto tra le università, gli enti per il diritto allo studio, l’assessore all’Ambiente e i consiglieri regionali possa essere proficuo e quanto più possibile risolutivo. 

A cura di Ludovica Roncolini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *