WhatsApp Image 2017-12-01 at 12.06.01 PMFigli dimenticati da uno Stato che non esiste. E mentre piangiamo il corpo esangue di una giovane adolescente predestinata, se non già condannata a una morte assurda, dimentichiamo scientemente di enumerare gli esecutori morali di tutto questo, boia senza vergogna che piangono lacrime inutili e spregevoli.

Conosciamo bene i volti delle bestie che – senza posa – hanno fisicamente vilipeso una vita, ma chi ha violentato le corde profonde di quest’animo? È tutto qui, nella brutalità con cui ci siamo dimenticati di accusare facce e volti che già da tempo avevano barattato – a buon mercato – la dignità di quella giovane

donna.

Figli di genitori che odiano e di uno Stato che volge il Suo sguardo severo altrove, incapace di ammettere a sé stesso di aver completamente fallito. Proprio lì, dove – ormai da tempo – non c’è più nessuno a proteggere e rassicurare. Tutto è risultanza delle scatole psicologiche all’interno del quale lasciamo che le persone si atteggino, e il finale di questa storia è tutta colpa vostra.

Moralmente parlando.

E Voi, dove eravate, quando ha chiesto il Vostro aiuto? Dove, prima che la sentenza senza appello cominciasse a dispiegare, con tutta la ferocia possibile, la sua condanna?

 

A cura di Edoardo Maria Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *