“I film trattano di emozioni e rispecchiano la frammentarietà dell’esperienza. Quindi è fuorviante cercare di sintetizzare a parole il significato di un film” diceva Stanley Kubrick e lo dimostrava con rigore nelle sue pellicole senza tempo e senza spazio. Ebbene, il cinema è questo. Un flusso di coscienza, un’esperienza intima, personale, soggettiva, senza tempo e senza spazio. Impossibile da possedere totalmente, ma nello stesso tempo, perfetta proiezione di sensazioni ed emozioni esclusivamente individuali.

Senza titolo

Il festival del cinema di Roma nasce proprio con questo intento, comunicare non allo spettatore, ma con lo spettatore, in un dialogo tra individuo e cultura fatto di immagini, suoni, parole, sentieri educativi. L’educazione che il festival del cinema vuole impartire è infatti l’educazione alla bellezza e all’arte, per offrire a tutti la possibilità di apprezzare e interpretare questo mondo, soprattutto ai più giovani.

Per questo, la Fondazione Cinema per Roma, che nasce solo nel febbraio del 2006, sviluppa progetti di educazione al cinema nelle scuole e negli istituti di formazione di ogni livello ed ha lo scopo di promuovere il cinema a livello locale, nazionale e internazionale, collaborando con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e molte altre associazioni.

L’Auditorium è il fulcro dell’evento dal 2006, ospitando proiezioni, incontri, mostre, eventi e convegni, che hanno attirato per tutte e dodici le edizioni grandi appassionati e non. Ed effettivamente, lo spettacolo dei 1300 metriquadri del viale che si trasformano in un enorme red carpet in mezzo a centinaia di schermi raffiguranti le più grandi star del cinema di tutti i tempi, catturerebbero l’attenzione anche del più disinteressato.Anche quest’anno, quindi, il festival del Cinema sta per sbarcare nella Capitale per celebrare la sua tredicesima edizione, che si svolgerà tra il 18 e il 28 ottobre che prevede, tra le innumerevoli attività, incontri ravvicinati con autori, attori e protagonisti della cultura italiana e internazionale e una rassegna di film per ragazzi, feste e l’immancabile red carpet.

Senza titolo 2

A cura di Maia Sacchetto