Alla scoperta del vintage

bow-tie-businessman-fashion-man

Con Il termine “vintage” nell’ambito della moda si indicano gli abiti, gli accessori e i  gioielli che devono sottostare a requisiti particolari per essere considerati tali: il criterio più basilare e generale è che tali oggetti appartengano a periodi, decenni e mode passate rispetto a quella attuale di cui si serba un caro ricordo senza che queste abbiano nulla a che fare con la contemporaneità.

Negli ultimi anni ha avuto luogo una riscoperta del vintage che ha riscontrato moltissimo successo soprattutto tra i giovani diventando ciò che può essere definito una moda.
Sicuramente vestirsi con abiti vintage presenta i suoi svantaggi ma anche numerosi(ssimi) vantaggi:
In primo luogo, il vintage richiede tempo in quanto gli abiti e gli accessori non sono facilmente reperibili come lo sono i capi in voga in un determinato periodo storico e quindi vanno “scovati” nei mercati o in particolari Negozi.
In secondo luogo, il vintage richiede indubbiamente un estremo gusto nel vestire in quanto, a differenza di chi segue le mode del momento, chi si veste con abiti vintage non ha dei modelli da seguire o delle persone che può “copiare” ma deve utilizzare la sua creatività al fine di creare nuovi abbinamenti che valorizzino i capi che indossa. Vestirsi vintage non é da tutti, perché significa distinguersi dalla massa riscoprendo le mode di epoche passate.
Per quanto riguarda i vantaggi utilizzare capi e accessori vintage può anche significare risparmiare, anche se questa non é una regola assoluta, anzi, alcuni accessori o capi aumentano il loro valore sul mercato con il passare del tempo perché diventano sempre più introvabili e quindi rari (capita spesso con accessori di gioielleria).
road-fashion-vintage-bag
Se però parliamo di abiti non firmati comprare vintage presso i mercati, più che nei negozi, comporta un vero risparmio: abiti, maglioni, pantaloni, soprabiti e cappotti possono essere acquistati per prezzi che vanno da qualche euro a qualche decina di euro e questo permette a tutti, anche in un periodo di crisi come quello che stiamo attraversando, di accedere alla moda vintage e acquistare tutto ciò che serve per creare un guarda roba invidiabile e super originale!
Il prezzo non determina nè la qualità ne tanto meno la bellezza di un capo: un pezzo vintage, anche se super low cost, è un pezzo unico e garantisce una spiccata originalità a chi lo indossa.
Inoltre, spesso i capi e gli accessori considerati ormai fuori moda vengono recuperati da grandi stilisti e ritornano in voga con uno schiocco di dita!
Un chiaro esempio di questo fenomeno riguarda lo stivaletto punk più famoso al mondo firmato Dr. Martens, in vendita dagli anni ’60 indossato inizialmente dai soldati, poi da operai e poliziotti, divennero un’ossessione della moda underground, negli anni ’70 vennero utilizzate dai punk e dei movimenti giovanili : ska, new wave, psychobilly e goth.
Qualche anno fa, Alcuni designer si sono ispirati allo stile di questi anfibi e al periodo storico in cui sono nati per realizzare le loro nuove collezioni…e non appena qualche celebrity li ha indossati… la moda è letteralmente esplosa e non era difficile notare Dr Martens ai piedi di chiunque anche di chi li aveva sempre disdegnati!
11050681_973182459381482_6634088371096325796_n
La moda é questa: attinge dalle grandi ispirazioni del passato per crearne nuove versioni, attingendo dal contesto sociale di riferimento.
Il vintage permette di precedere questo fenomeno ed essere sempre alla moda prima che la moda nasca effettivamente.
Il vintage, come abbiamo detto, é reperibile sia nei mercati che nei negozi.
Per quanto riguarda l’ambito europeo i mercati vintage più curiosi si possono trovare a Londra, Parigi, Berlino, Madrid ed Amsterdam.
In Italia L’appuntamento d’eccezione è al Padova Vintage Festival (9, 10, 11 Settembre 2016), tre giornate in cui si alternano workshop, mostre, esposizioni e immancabili party a tema. La location si trova nel cuore della città, in uno storico tribunale del ‘500
anche nella città eterna sono numerosi gli indirizzi da segnalare: Pifebo presente nella Capitale con 3 punti vendita (Via dei volsci 101b,Via dei Serpenti 141 e Via dei Valeri 10), SiTenne (via Petrarca 1) dove é possibile anche noleggiare gli abiti, Moll Flanders in via urbana 132, In via Leonina 24 si trova Le vesti di MessalinaGioielleria Vintage (via della croce 72) ed infine Bohemienne Vintage che si trova nel cuore di Campo dei Fiori più precisamente nel caratteristico vicolo di Via dei Cappellari 96.
A cura di Maria Vittoria Caporale –  Michele Mauceri 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *