Coppedè, il quartiere nel quartiere

10933745_1537428513172949_5709387929759471245_n

A pochi metri dalla sede LUISS di Viale Pola, nel cuore del quartiere Trieste, è custodita una piccola piazza contornata da prestigiosi e originali palazzi dallo stile del tutto unico. E’ qua che nasce il tanto famoso quanto raccolto quartiere Coppedè, composto da 26 palazzine e 17 ville.

Un gioiello architettonico, un esercizio di stile, che dà, a chiunque visiti Piazza Mincio e i suoi dintorni, la percezione di trovarsi in una dimensione del tutto unica, di sicuro non da metropoli da quasi 3 milioni di abitanti. Il quartiere prese vita agli inizi degli anni venti del XX secolo, ai confini dei Parioli con gli allora, appena edificati, nuovi quartieri Salario e Trieste, diventando set per diversi film, da Dario Argento a Richard Donner, e sede delle ambaciate del Sudafrica e della Bolivia.

La tranquillità e l’immacolatezza del quartiere è però spesso interrotta dal vicino Piper, storica discoteca romana, tempio della musica degli anni ’60 e ’70, che ospitò artisti del calibro di Mina, Genesis, Mia Martini, solo per citare alcuni nomi.

Un quartiere nel quartiere, impossibile da non visitare almeno una volta.